-----

Diabete sotto controllo per prevenire le complicanze

Ma perché bisogna tenere sotto controllo il diabete? Per prevenire le complicanze: il diabete non controllato può provocare infatti altre malattie a danno di reni, occhi e piedi. E soprattutto aumenta il rischio di infarti, scompenso cardiaco e ictus.

Il diabete o meglio il diabete mal controllato e quindi con frequenti o lunghe o importanti iperglicemie è la causa principale di una serie di patologie definite 'complicanze'.

Complicanze microvascolari
Il diabete può causare in modo specifico e diretto – soprattutto se non è tenuto sotto controllo – delle serie patologie di natura microvascolare dovute cioè all’occlusione e al deterioramento dei piccoli vasi sanguigni di molti organi. Si tratta di:

  • retinopatia diabetica (i capillari della retina si deteriorano e rendono gradualmente difficile la visione);
  • nefropatia diabetica (i 'filtri' presenti nel rene perdono gradatamente la loro funzionalità);
  • neuropatia diabetica periferica (i nervi, soprattutto nelle aree più distanti dal cervello come il piede e la gamba, perdono sensibilità);
  • piede diabetico (la diminuita sensibilità rende più facile la formazione di ulcere e infezioni, i capillari spesso occlusi ostacolano la naturale reazione dell'organismo rendendo difficile o impossibile la guarigione naturale dei tessuti).

Nei casi più gravi queste complicanze possono avere esiti molto seri.

Complicanze macrovascolari
Tuttavia soprattutto nel diabete di tipo 2 il rischio più importante è la chiusura dei 'grandi vasi'.  
In pratica il diabete – soprattutto se non è tenuto sotto controllo – favorendo il processo di ostruzione delle arterie moltiplica il rischio di sviluppare ictus o infarti. Una persona con diabete corre lo stesso rischio di avere un infarto di una persona identica per età, sesso e peso, che ha già avuto un infarto.

È importante notare che mentre occorrono molti anni, più spesso decenni, perché una persona con diabete sviluppi le conseguenze più serie di una complicanza 'microvascolare' (ad esempio perché sviluppi problemi alla vista o nella sensibilità al piede), il rischio cardiovascolare aumenta fin dal primo giorno di diabete, anzi da prima, perché le fasi di moderata alterazione della glicemia comunemente definite 'pre-diabete' sono già sufficienti per aumentare il rischio di infarti e ictus in modo sensibile.

Logos
Diabete Italia Onlus
c/o Legalitax Studio Legale e Tributario, Via Flaminia, 135 – 00196 Roma - C.F. 97332370580 - P.I. 12150181001
info@diabeteitalia.it - webmaster: www.uela.it
AMD OSDI SIEDP SIMG A.G.D. ITALIA Aniad Diabete Forum